Festa Patronale di Bienate 2022: la cronaca

La Festa Patronale, posta all’inizio dell’anno, è l’occasione propizia per dare il “LA” alla vita della comunità parrocchiale che continua incessante anche dopo le attività estive e il giusto e meritato riposo con un ritmo più blando nel mese di agosto.

Tutto è iniziato con l’arrivo della Fiaccola della Testimonianza 2022 domenica 11 settembre intorno alle 21.15 in piazza don Castelli a Bienate: un buon numero di parrocchiani si è riunito al calar del sole in attesa dei nostri adolescenti e giovani. Suggestivo l’arrivo al semi buio delle quasi trenta torce che hanno accompagnato la fiaccola, portata dal tedoforo più giovane, che ha acceso il braciere e il cero, poi posto ai piedi dell’altare della Chiesa. Quest’anno la testimonianza di Gianluca Firetti, un giovane cremonese morto per osteosarcoma a 20 anni, ha segnato la corsa dei nostri ragazzi accompagnati dalle sue parole: “Siamo fatti per il cielo. Per sempre. Per l’eternità”. Una lauta cena per gli atleti a chiuso, giustamente, la domenica.

La festa è proseguita poi venerdì 16 settembre presso l’Oratorio di Bienate con i tornei sportivi per i ragazzi e le ragazze delle medie, organizzati dagli animatori di questa estate e dagli educatori: più di sessanta preadolescenti si sono sfidati a calcio, pallavolo, ping pong… e hanno terminato la serata con una buonissimo (e abbondantissimo) giropizza e gelato. Per la verità anche dopo pizza e gelato i giochi sono andati avanti ancora: un entusiasmo irrefrenabile che ha messo alla prova la pazienza dei genitori che “scalpitavano” per portare a casa i loro “pargoli”! La stessa sera in Chiesa il bellissimo concerto del gruppo “BORSOUND”: coro e banda ci hanno accompagnato in una esperienza unica tra canti sacri, cori gospel e colonne sonore famose (tra cui quelle di Ennio Morricone). Più di 200 persone hanno goduto di questa bellezza, nonostante qualche disguido sull’orario di inizio del concerto (21.00 o 21.30?) e qualche problema di acustica.

Sabato 17, invece, gran pienone per la cena “à la carte”, l’apertura dello stand gastronomico e la musica dal vivo con la band “TELESUONO”: un’ottima lasagna, arrosto e patate con dolce, oppure un buonissimo panino con salamella o wurstel e patatine, fresche bibite, buona birra fresca o vino… hanno accompagnato la serata musicale e danzante per più di due ore (con buona pace dei vicini di casa!!!). Musica italiana, successi internazionali senza tempo, animazione “ballerina” hanno riempito di note, allegria, voglia di far festa il “geodetico” (per chi non è di Bienate, è il nome “altisonante” con cui viene chiamata la tensostruttura in Oratorio).

Domenica 18 settembre, infine, il “clou” della festa con la celebrazione della S. Messa solenne alle 10.30 in Chiesa Parrocchiale in onore di San Bartolomeo apostolo (non tanti, ahimè i fedeli intervenuti) e il pranzo sempre in Oratorio, purtroppo poco partecipato. Nel pomeriggio l’Oratorio si è popolato di ragazzi, bambini, famiglie e adulti per i giochi della tradizione e anche qualche “chicca” (lancio negli anelli, giostra del cavallo, gimcana dei sacchi…), sempre aperto il banco gastronomico e merenda dolce finale per tutti i ragazzi con buonissime torte! Ma non è finita qui: perché all’inizio della messa vespertina delle 18.30 don Marco ha acceso la fiaccola dal cero della Chiesa e, benedetto il fuoco, è partita grazie ai ragazzi delle medie della Comunità Pastorale che, passando rumorosamente per le vie del nostro paese, hanno acceso il braciere davanti alla Chiesa di Magnago per dare il via alla Festa Patronale di San Michele arcangelo. Una vera staffetta che testimonia, nei fatti più che nelle parole, che è più bello insieme e che è una ricchezza camminare, e a volte correre, insieme!