La nostra storia: memoria, gratitudine e responsabilità

Iniziamo un lungo e appassionante percorso alla scoperta della storia delle nostre parrocchie

Si può essere o meno appassionati di storia (io, personalmente, lo sono!), è comunque importante conoscere da dove veniamo: iniziamo così il nostro viaggio nel tempo alla scoperta delle origini delle nostre Parrocchie, espressione della fede cattolica nel nostro territorio, con uno sguardo attento ad ogni passaggio e ad ogni epoca (dalla costruzione dei primi luoghi dove si manifesta la devozione popolare, come edicole, oratori, croci, cappelle… fino all’insediamento di una comunità stabile di credenti e alla relativa costruzione di una chiesa che poi diventerà parrocchia).

Le nostre parrocchie letteralmente sono “chiese tra le case”: è il radunarsi nel nome di Gesù riconosciuto come Messia, Figlio di Dio Salvatore. Le varie epoche ci indicheranno come questa trasmissione della fede ininterrotta si è “organizzata” nel nostro territorio per rispondere al desiderio e alla necessità del popolo di manifestare in maniera comunitaria nella vita di tutti i giorni la stessa fede; la Chiesa si è sempre “riformata” per rispondere all’esigenza di annunciare il Vangelo e di testimoniarlo nella concretezza della vita di un territorio: lo sappiamo bene noi che abbiamo iniziato il cammino della Comunità Pastorale.

Il “lavoro” dello storico, fede e appassionato, è quello di accompagnarci volgendo il nostro sguardo a ciò che è stato per imparare a camminare nel nostro tempo con un senso di gratitudine e di responsabilità: gratitudine per quanto ricevuto, responsabilità per quanto a nostra volta consegneremo alla storia futura della fede nel nostro paese.

Don Alessandro