Caritas

Acqua bene prezioso… acqua ricchezza senza confini

Il sogno di una vita normale oltre l’insicurezza e la povertà

Compassione e solidarietà sono valori fondamentali, ma il cambiamento non avverrà senza azioni concrete, che possano attivare o rilanciare un progetto, che diventa determinante per migliorare la vita di chi vive un’emergenza, una mancanza, un disagio.

Per questo sostenere realtà e progetti di altri paesi è fondamentale per aiutare questi popoli a costruire il proprio futuro, perché la carità non ha frontiere. Soprattutto nel periodo dell’Avvento dobbiamo avere un’attenzione maggiore a chi sembra essere nato dalla parte “sbagliata” del mondo. Non basta commuoverci davanti al Bambino Gesù.

Intervenire non con puro “assistenzialismo” ma favorendo un processo più ampio di trasformazione sociale, che garantisca la durata dei risultati nel tempo.

Leggi tutto…

Credo negli esseri umani, che hanno il coraggio, coraggio di essere umani

Accogliere, assistere, prendersi cura dell’altro con rispetto e delicatezza senza distinzioni e senza emarginazioni

Il volontario della Caritas non è solo qualcuno che dona al povero, ma è chi dagli ultimi riceve e impara. È chi offre il proprio tempo, chi cresce nella sensibilità e nella carità.

L’assistenza concreta ai bisognosi deve sempre essere caratterizzata da un’attenzione nell’ accogliere, facendo propria un’attività di promozione umana, riuscendo a vivere un’esperienza concreta che nasce da una relazione profonda con i poveri. La Caritas è la Chiesa che, mettendosi in ascolto, agisce con molta discrezione e rispetto.

Il volontario riesce a farsi portatore di un cambiamento verso l’altro che va a “contagiare” la vita di tutti i giorni (famiglia, scuola, lavoro, vicinato). Agisce secondo lo stile del Samaritano: non si limita ad attivarsi personalmente, ma è capace di mettere in moto una risposta comunitaria.

Leggi tutto…

La faticosa arte del dono di sé

…puro pane spezzato, che sazia la fame altrui, come Gesù

mons. Cantoni

Lo chiamavano il prete degli ultimi. E non solo tra gli ‘ultimi’ il suo ricordo resterà indelebile. Don Roberto Malgesini, una vita al fianco dei più bisognosi. È stato accoltellato a morte la mattina del 15 settembre 2020 a Como, in piazza San Rocco. Chi ha messo fine alla sua vita era un uomo che don Roberto conosceva bene: una delle numerose persone in difficoltà che lui sosteneva nelle necessità quotidiane.

Leggi tutto…

Giovani e Carità, un binomio perfetto

Abbi cura di me, il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro
Basta mettersi al fianco invece di stare al centro

«I giovani sono le vittime più fragili di questa epoca di cambiamento, ma anche i potenziali artefici di un cambiamento d’epoca…Sono il presente, ma protagonisti dell’avvenire. Non è mai sprecato il tempo che si dedica ad essi, per tessere insieme, con amicizia, entusiasmo, pazienza, relazioni che superino le culture dell’indifferenza e dell’apparenza. Non bastano i “like” per vivere: c’è bisogno di fraternità, c’è bisogno di gioia vera. La Caritas può essere una palestra di vita per far scoprire a tanti giovani il senso del dono, per far loro assaporare il gusto buono di ritrovare sé stessi dedicando il proprio tempo agli altri. Così facendo la Caritas stessa rimarrà giovane e creativa, manterrà uno sguardo semplice e diretto, che si rivolge senza paura verso l’Alto e verso l’altro». Papa Francesco.

Leggi tutto…

Mi chiedo dov’è… la gioia, dov’é, dov’é, dov’é…

… allora chiedimi se sono fuori posto in questo posto
Chiedi tutto, basta che qualcuno mi risponda adesso…

«Le guerre, anche l’ultima in Ucraina con sei milioni e mezzo di rifugiati e altrettanti profughi interni, i 34 conflitti in corso nel mondo, i disastri ambientali, la fame, la tratta e lo sfruttamento stanno costringendo sempre più persone e famiglie a lasciare la propria terra per chiedere protezione e asilo altrove» mons. Perego, presidente della Commissione episcopale per le migrazioni in occasione della Giornata Mondiale del rifugiato che si è celebrata lunedì 20 giugno, puntando il dito contro la politica che, «di fronte a questo fenomeno epocale – aggiunge – continua a fare passi avanti, ma anche molti passi indietro»

Leggi tutto…


La solitudine dei numeri ultimi

“Onorerai i tuoi genitori”, cioè li aiuterai in questa trasfigurazione (…) li aiuterai con la tua giovinezza a superare la vecchiaia; non li lascerai sprofondare dietro la barriera della loro decadenza fisica (…) nella misura in cui ciò dipende dalle tue forze”.

Emmanuel Mounier, Lettere sul dolore
Leggi tutto…

L’uomo è il peggior nemico dell’uomo

E se gli sparo in fronte o nel cuore
Soltanto il tempo avrà per morire
Ma il tempo a me resterà per vedere
Vedere gli occhi di un uomo che muore

Fabrizio De Andrè

Di nuovo la guerra: Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Siria, Gaza, Yemen, Somalia, sono solo alcuni luoghi dove sono precipitate bombe e morte dagli anni ’90 ad oggi. Ora l’Ucraina. Il mondo si ritrova arruolato in cinque giorni. Con il fiato sospeso osserviamo ciò che sta accadendo a causa di decisioni sanguinose e tristemente sbagliate.

Leggi tutto…

Perché la Caritas

“Prego Dio di ridestarci dalla dimenticanza per chi soffre, di scuoterci dall’individualismo che esclude, di svegliare i cuori sordi ai bisogni del prossimo”. (Papa Francesco)

Leggi tutto…

Un ponte lascia passare le persone, un ponte collega i modi di pensare…

Migranti sul confine tra Bielorussia e Polonia

Perché l’ultimo che passa vale come il primo

Il 9 novembre 1989 cadeva il muro di Berlino: un efficiente sistema di sbarramento, che dal 1961 (anno di inizio costruzione) divideva in due il centro della città e di fatto separava concittadini e parenti. Nulla aveva insegnato un conflitto mondiale durato 6 anni, con 60 milioni di morti; combattere e morire per un unico ideale non aveva suscitato il desiderio di rinnegare ogni forma di divisione.

Leggi tutto…