Tag: La Vela – Febbraio 2024

Dati anagrafici 2023

Parrocchia San Michele di Magnago

AnnoBattesimiCresimeMatrimoniFunerali
20201837370
20213331548
20222920749
20232434965

Parrocchia San Bartolomeo di Bienate

AnnoBattesimiCresimeMatrimoniFunerali
20201723044
20211941227
20223041341
20232733241



San Valentino

Secondo un antico racconto, Valentino, vescovo di Terni, unì in matrimonio una giovane cristiana di nome Serapia e il centurione romano Sabino. La loro storia è veramente bella.

Leggi tutto…

Le tentazioni di Gesù nel deserto

Chi osserva la sua parola, in lui l’amore di Dio è veramente perfetto (cfr. 1Gv 2,5)

Il periodo dell’anno liturgico ambrosiano Mistero della Pasqua inizia con il Tempo di Quaresima: un tempo penitenziale e di conversione. È incentrato su Cristo per cui non si festeggia alcuna festa se non le solennità di San Giuseppe e dell’Annunciazione.

Il colore liturgico dei giorni feriali può essere il morello o il nero; per i sabati e le domeniche è sempre il morello fino quando si inizia a usare il rosso al quinto sabato di Quaresima, detto in traditione symboli poiché ricorda l’antico rito della consegna del simbolo della fede ai catecumeni.

Questo Tempo inizia con la prima Domenica di Quaresima in cui si legge il brano delle Tentazioni di Gesù del Vangelo di Matteo (4,1-11).

Leggi tutto…

La Necessaria Appartenenza

Nell’Esortazione Apostolica Gaudete et Exsultate, papa Francesco afferma:
“La santità è un cammino che non si compie da soli, ma all’interno di un popolo.
Non esiste piena identità senza appartenenza ad un popolo. Nessuno si salva da solo, la salvezza è possibile attraverso la trama di relazioni interpersonali che si stabiliscono nella Comunità.”

Da qui le domande: Cos’è l’Appartenenza? e Viverla cambia la vita?

Leggi tutto…

Beata Vergine Maria di Lourdes

“Io sono l’Immacolata Concezione”

L’11 febbraio del 1858, presso la grotta di Massabielle a Lourdes, la Beata Vergine apparve alla quattordicenne Bernadette Soubirous. Fu la prima di un ciclo di 18 apparizioni mariane, che si sarebbe concluso il 16 luglio e contenente un forte richiamo alla conversione, anticipatore della mariofania ai tre pastorelli di Fatima.

Leggi tutto…

I fratelli Karamazov e la Croce

Il perdono è l’unica strada per la pace

Dopo l’assassinio di Giulia Cecchettin si è detto molto, ma il parroco di Torreglia (Padova), il paese di Filippo Turetta, il ventiduenne che l’ha uccisa, alla richiesta di esprimere un parere su quanto accaduto da parte di una giornalista dell’emittente trevigiana Antenna 3, ha espresso solo due inviti: «Leggete ‘I fratelli Karamazov’ e guardate alla Croce!».

Non è una risposta di circostanza, convenzionale, ma un giudizio che vale la pena approfondire.

Leggi tutto…

San Francesco Saverio (1506-1552)

“Signore, io ti amo non perché puoi darmi il Paradiso o condannarmi all’Inferno, ma perché sei il mio Dio. Ti amo perché Tu sei Tu”. Francesco Saverio nasce nel 1506 nel Castello di Xavier, in Navarra, nella Spagna del nord. Proviene da una famiglia nobile: il padre, Juan de Jassu, ricopre il ruolo di presidente del Consiglio reale di Navarra. Nel 1525 Francesco si reca a Parigi per intraprendere gli studi universitari e nel 1530 diventa “Magister Artium”. La sua vita, però, fa un balzo in avanti nella fede: nel collegio di Santa Barbara, conosce Pietro Favre e Ignazio di Loyola, con i quali si forma nello studio della teologia. All’inizio i rapporti, soprattutto con Ignazio, non sono facili, tanto che lo stesso Loyola definirà Francesco “il più duro pezzo di pasta che abbia mai dovuto impastare”, ma la vocazione missionaria è ormai instillata nel cuore di Saverio che, nella primavera del 1539, prende parte alla fondazione di un nuovo ordine religioso, denominato “Compagnia di Gesù”. Consacrato a Dio e all’apostolato, il 7 aprile 1541 Francesco parte per le Indie, su richiesta di Papa Paolo III che desidera evangelizzare quelle terre, all’epoca conquista portoghese. La destinazione era GOA, uno stato sulla costa del golfo arabico, 600 Km a sud di Bombay. Il viaggio da Lisbona a Goa, compiuto in barca a vela, dura ben tredici mesi, resi faticosi dalla scarsità di viveri, dal caldo feroce e dalle tempeste. Giunto a Goa nel maggio del 1542, Saverio sceglie come dimora l’ospedale cittadino e come letto quello accanto al malato più grave. Da quel momento in poi, il suo ministero verrà dedicato proprio all’assistenza degli ultimi, degli esclusi dalla società: gli infermi, i carcerati, gli schiavi, i minori abbandonati. Soprattutto per i bambini, Francesco inventa un nuovo metodo di insegnamento del catechismo: li chiama a raccolta per le strade suonando un campanello e poi, una volta riuniti in chiesa, mette in versi i principi della dottrina cattolica e li canta insieme ai ragazzi, facilitandone così l’apprendimento. Per due anni, inoltre, si dedica all’evangelizzazione dei “paravi”, i pescatori di perle residenti nel sud delle Indie: parlano solo il tamil, ma Francesco riesce a trasmettere loro i principi fondamentali della fede cattolica, arrivando a battezzarne 10 mila in un solo mese. San Francesco Saverio scrive: “Talmente grande è la moltitudine dei convertiti che sovente le braccia mi dolgono tanti ne ho battezzati e non ho più voce e forza di ripetere il Credo e i Comandamenti nella loro lingua”. Ma la sua opera evangelizzatrice non si ferma. Tra il 1545 ed il 1547, Francesco Saverio raggiunge la Malacca, l’arcipelago delle Molucche e le Isole del Moro, incurante dei pericoli perché totalmente fiducioso in Dio. Nel 1547, la vita del futuro Santo ha un’ulteriore svolta: incontra un fuggiasco giapponese, di nome Hanjiro, desideroso di convertirsi al cristianesimo. L’incontro fa sorgere, in Saverio, il desiderio di recarsi in Giappone, per portare il Vangelo anche nella terra del “Sol levante”. Vi giunge nel 1549 e, nonostante sia in vigore la pena di morte per chi amministra il sacramento del Battesimo, il religioso spagnolo riesce a creare una comunità di centinaia di fedeli. Dal Giappone alla Cina, il passaggio viene quasi naturale. Saverio guarda al “Paese del Dragone” come nuova terra di evangelizzazione e nel 1552 riesce a raggiungere l’isola di Shangchuan, da dove cerca di imbarcarsi per Canton. Ma una febbre improvvisa lo coglie. Stremato dal freddo e dalla fatica, Francesco Saverio muore all’alba del 3 dicembre a soli 46 anni. Le sue spoglie vengono sepolte in una cassa piena di calce, senza neanche una croce a ricordarlo. Tuttavia, due anni dopo, il suo corpo viene traslato, integro e intatto, a Goa, nella Chiesa del Buon Gesù, dove attualmente si venera. Una sua reliquia – l’avambraccio destro – è invece conservata a Roma dal 1614, nella Chiesa del Gesù. Beatificato da Paolo V nel 1619 e canonizzato da Gregorio XV nel 1622, Francesco Saverio viene proclamato patrono dell’Oriente nel 1748, dell’Opera della propagazione della fede nel 1904 e di tutte le Missioni (insieme a Santa Teresa di Lisieux) nel 1927. In merito alla vendita dei prodotti per le Missioni che si è svolta dal 1° al 10 dicembre, vorremmo ringraziare tutti coloro che si sono adoperati con grande impegno per l’allestimento la preparazione dei prodotti e la vendita, che è andata molto bene. Nel prossimo numero de “La Vela”, vi renderemo partecipi delle attività che sosterremo con le varie missioni che stiamo seguendo. Un grazie particolare poi, alla CP “Il cenacolo” che ha messo a disposizione gli spazi, a tutte le persone che hanno visitato la mostra, e con grande generosità hanno acquistato i prodotti. Voi, che avete acquistato, siete i benefattori per le attività che verranno svolte dai nostri cari missionari. Che dio vi benedica.


La Fortezza: l’interiorità “che non si svende”

Papa Francesco, Omelia 24 aprile 2016, Giubileo dei Ragazzi e delle Ragazze:
“Non fidatevi di chi vi distrae dalla vera ricchezza, che siete voi, dicendovi che la vita è bella solo se si hanno molte cose; diffidate di chi vuol farvi credere che valete quando vi mascherate da forti, come gli eroi dei film, o quando portate abiti all’ultima moda. La vostra felicità non ha prezzo e non si commercia; non è una “app” che si scarica sul telefonino: nemmeno la versione più aggiornata potrà aiutarvi a diventare liberi e grandi nell’amore”

Leggi tutto…