Quale educazione?

Il tema dell’educazione è centrale nella vita di ogni popolo: all’educazione dei giovani è necessario dedicarsi con urgenza e responsabilità per trasmettere il senso e la positività del vivere. Ho appreso da piccola il rispetto della natura, la tenacia nel lavoro e la lealtà verso gli altri, la compassione per i malati e gli anziani, la gratitudine per il cibo e i beni ricevuti, il perdono per chi mi aveva offeso. Senza tanti discorsi, vedevo come i miei genitori e gli adulti che conoscevo, trattavano le piccole cose e le situazioni della vita quotidiana. Crescendo ho incontrato la proposta cristiana vissuta con semplicità in famiglia e in parrocchia: sentivo che il bagaglio della tradizione provocava la mia libertà e a questo punto ho cominciato a fare confronti e a capire che non tutto ciò che ascoltavo mi corrispondeva.

Leggi tutto…

Cosa e perché la nostra vita attende?

Avvento: l’attesa del cuore dell’uomo nelle canzoni

L’esperienza che accumuliamo vivendo fa affiorare una specie di inquietudine, un senso di mancanza e di attesa, a cui non sappiamo dare un nome. Cesare Pavese, scrittore, morto suicida nel 1950, aveva lasciato scritto nel suo diario: “Qualcuno ci ha mai promesso qualcosa? E allora perché attendiamo?” È un’attesa che ha radici lontane e caratterizza l’uomo di tutti i tempi. Ne dà ampia testimonianza l’Antico Testamento nelle vicende del popolo ebraico.

Leggi tutto…

Don Giussani a cento anni dalla nascita

Don Luigi Giussani è nato a Desio il 15 ottobre 1922. Entrato in seminario a 11 anni, è stato ordinato sacerdote il 26 maggio 1945. In occasione del suo centenario, per tutti coloro che seguono il suo carisma, il Papa ha concesso un’udienza in piazza San Pietro sabato 15 ottobre.

Così è intervenuto il Papa: “Io esprimo la mia personale gratitudine per il bene che mi ha fatto, come sacerdote, meditare alcuni libri di don Giussani; e lo faccio anche come Pastore universale per tutto ciò che egli ha saputo seminare e irradiare dappertutto per il bene della Chiesa. E come potrebbero non ricordarlo con gratitudine commossa quelli che sono stati suoi amici, suoi figli e discepoli? Grazie alla sua paternità sacerdotale appassionata nel comunicare Cristo, essi sono cresciuti nella fede come dono che dà senso, ampiezza umana e speranza alla vita. Don Giussani è stato padre e maestro, è stato servitore di tutte le inquietudini e le situazioni umane che andava incontrando nella sua passione educativa e missionaria. La Chiesa riconosce la sua genialità pedagogica e teologica, dispiegata a partire da un carisma che gli è stato dato dallo Spirito Santo per l’utilità comune.”

Leggi tutto…

Nel dolore costruire la pace

Incontro con Padre Damiano Puccini

Padre Damiano Puccini, originario di Pisa e membro del clero maronita, risiede da 19 anni in Libano dove è vice parroco a Mechmech e Lehfed nella diocesi di Byblos: martedì sera 14 giugno, ha reso la sua testimonianza nella chiesa parrocchiale di Magnago.

Il Libano è un piccolo paese nel Vicino Oriente, tra il mar Mediterraneo e montagne alte fino a 3000 metri, confinante con la Siria e la Palestina. In questa terra, dove hanno abitato i Fenici, san Marco Evangelista è stato vescovo predicando e suscitando numerosi cristiani: dal 400 i cristiani cattolici del Libano sono detti maroniti, dall’anacoreta Marone. Il 24 luglio i maroniti festeggiano San Charbel, considerato il padre Pio libanese.

Leggi tutto…

La cultura della vita: Santa Gianna Beretta Molla

Il 28 aprile scorso abbiamo festeggiato il 60° anniversario della morte di santa Gianna, madre di famiglia, che ha dato la vita perché la bambina che portava in grembo potesse vivere.

Nata a Magenta il 4 ottobre 1922, penultima di otto figli, si laurea in Medicina nel 1949 e si specializza in pediatria nel 1952.  Educata dai genitori, ferventi cattolici, frequenta la chiesa, partecipa come responsabile all’Azione Cattolica e si accosta assiduamente all’Eucaristia. Concepisce la professione di medico come servizio a tutti: “Chi tocca il corpo di un paziente, tocca il corpo di Cristo. … La nostra missione non è finita quando le medicine più non servono. C’è l’anima da portare a Dio …”

Leggi tutto…

La bellezza riaccende il cuore

In questa primavera che ci regala i fiori bianchi dei ciliegi e quelli rosati delle magnolie e gli arbusti gialli e radiosi delle forsizie, il cuore si apre a un sentimento assopito nel lungo inverno: dunque è possibile! La vita rinasce, fa da sé, non abbiamo fatto nulla per meritare tanta bellezza!

Nello stesso tempo, con le immagini negli occhi della distruzione operata dalle bombe e la ragione attonita di fronte ai morti lasciati per strada, ci chiediamo come si fa a continuare a sperare.

Leggi tutto…

Russia e Ucraina: una speranza possibile?

Rosario per la pace in piazza a Varsavia

“La guerra è una pazzia”: così interviene Giovanna Parravicini, Consultore del Pontificio Consiglio per la Cultura, residente da oltre trent’anni a Mosca, ospite il 7 marzo a TV2000 nella trasmissione SOUL (per vedere l’incontro). Dalla Russia tante altre voci si alzano, di artisti famosi, del primo ballerino del Bolshoi, del più grande regista russo, di 150 scienziati, di scrittori e campioni russi dello sport, per manifestare il loro dissenso dalla guerra.

C’è speranza di fronte a tanto sangue versato, a tanto dolore, a tante lacrime?

Leggi tutto…

Le lenzuola di don Checchi

È per un debito di riconoscenza e gratitudine che guardiamo alle persone del passato che hanno testimoniato come la vita vissuta in Cristo, pur nelle difficoltà, è buona e ricca di bellezza. Don Francesco Checchi è una di queste persone.

Nato a Gallarate il 24 settembre 1875 e consacrato sacerdote l’8 maggio 1899, don Francesco Checchi diventa parroco di Magnago nel 1913 fino al 1957. Sono anni in cui comincia la trasformazione del lavoro agricolo con l’uso di macchine e nascono le prime fabbriche: la Chiesa si coinvolge, accompagnando le persone con fede e intelligenza a promuovere la cultura della solidarietà e della fraternità. Nascono così, in molti paesi della nostra zona, le leghe cooperative, le casse rurali, le società di mutuo soccorso, le scuole e gli asili. In particolare a Magnago don Checchi fonda la società di Mutuo Soccorso che acquista merci e prodotti per l’agricoltura a buon prezzo, ottiene lotti di terreno e case popolari da affittare ai soci, promuove una educazione morale e intellettuale.

Leggi tutto…